26 – 28 Febbraio

L’Abbatazzu

L’Abbatazzu fu una delle maschere antiche del carnevale di Acireale, storicamente in uso dal 1667. Vestiti in maniera stravagante, usavano portare grandi parrucche bianche in testa, indossavano abiti di Damasco ricchi di fronzoli ed andavano in giro con grossi libri.

Avevano un grande tovagliolo appeso al collo, che era un antico segno dato alle persone infette e probabilmente aveva l’intento di esorcizzare le paure di un periodo storico (il XVII secolo) travagliato da gravi pandemie.

L’Abbatazzu era anche detto Pueta Minutizzu perché solevano recitare delle poesie grottesche e maliziose. Secondo alcni storici, la maschera ironizzava sulla classe clericale del tempo, ed in special modo sull’Abate-Vescovo di Catania, Mons. Michelangelo Bonadies, nella cui diocesi ricadeva per l’appunto la cittadina.


Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: